Segnaliamo un articolo del Presidente Migliucci e del Segretario Petrelli, già pubblicato su Guida al Diritto, sulla valutazione di “inammissibilità” dell’appello, che, come è stata delineata dalle sezioni Unite il 22 febbraio 2017 con la sentenza n. 8825, pone diversi problemi soprattutto sul fronte dell’ampliamento dei poteri discrezionali del giudice. Fissare i limiti, entro i quali il giudice dell’impugnazione stabilisce quali motivi sono effettivamente «basati su argomenti strettamente collegati agli accertamenti della sentenza di primo grado», potrebbe depotenziare l’appello con pericolose prassi degenerative.

Leggi l’articolo