La presentazione di una richiesta di risarcimento per un sinistro mai accaduto perchè basato su un modulo di constatazione amichevole di incidente falso costituisce il reato di cui all’art. 642 c.p., ossia un delitto a consumazione anticipata che si esaurisce con la denuncia del falso sinistro prescindendosi dalla effettiva riscossione dell’indennizzo assicurativo.

Cassazione penale, sez. II, 31/05/2016 (ud. 31/05/2016, dep.12/10/2016), n. 43095

Frode in assicurazione – Fraudolento danneggiamento dei beni assicurati – Consumazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *