Il compito del giudice di legittimità, nel sindacare la motivazione, consiste esclusivamente nello stabilire se il giudice del merito abbia esaminato tutti gli elementi a sua disposizione, se ne abbia fornito una corretta interpretazione, offrendo una completa e convincente risposta alle deduzioni delle parti, ed infine, se abbia, nello sviluppo delle argomentazioni, applicato le regole della logica.

Cass., sez. fer., sent. 17.08.16-26.10.16, n.44968

Casi di ricorso per cassazione – Vizio di motivazione – Limiti del sindacato di legittimità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *